Furto aggravato e sistemi antitaccheggio

Tribunale di Foggia, 30 dicembre 2005 n. 1949, imp. N.D.A.

In materia di furto commesso con destrezza, l’aggravante sussiste allorché il soggetto agente ponga in essere un’attività fraudolenta o insidiosa che sorprenda la contraria volontà del detentore della cosa; rientra, pertanto, in essa ogni operazione astuta e scaltra diretta ad eludere le cautele e a rendere vani gli accorgimenti predisposti dal soggetto passivo a difesa delle proprie cose. (Nel caso di specie, l’aggravante non veniva riconosciuta nel comportamento del soggetto attivo che, occultando prodotti alimentari, non era obiettivamente in grado di eludere il sistema elettronico di antifurto del supermercato, né la vigilanza del responsabile dello stesso)