Prosciolto finanziere nell'operazione "Veleno"

Il GUP di Bari, dott. Domenico De Benedictis, all’udienza preliminare dell’8 luglio 2008, ha prosciolto conformula piena (425, 1° comma c.p.p.) perchè il fatto non sussiste il finanziare Giovanni Borea, accusato di associazione a delinquere e altri gravi reati fine (contrabbando, traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni) nell’ambito del procedimento denominato “Veleno”.
Il finanziere, che ha sempre protestato la sua assolutà estraneità ai fatti, ha subito sei mesi di custodia cautelare in carcere e un mese di arresti domiciliari.
La coraggiosa decisione del GUP, di ritenere inutile il dibattimento (alla luce della evidente innocenza del Borea) pur in presenza di un giudicato cautelare negativo, ha aperto la strada per una richiesta di un consistente risarcimento danni per ingiusta detenzione
Comments